Privacy settings

We use technical cookies, that are necessary for the management of the website, statistical cookies and marketing cookies (including third parties cookies) for displaying individual offers and ads. For more information read our Privacy Policy. Statistical cookies and marketing cookies (inclusive of third parties cookies) are used only with your consent. By clicking “Select all and agree” you consent to our use of statistical and/or marketing cookies (inclusive of third parties cookies).

To customize your privacy settings, tick your preferences in the checkboxes and click “Apply selection”. You can always change the privacy settings and deactivate cookies by following the instructions in the Privacy Policy.

Show preferences Select all and accept
IMA sta caricando
Pubblicato il 10/07/2019

GreenItaly: Alberto Vacchi interviene alla presentazione del rapporto 2018

Presentato oggi a Bologna “GreenItaly 2018”, nono rapporto della Fondazione Symbola e Unioncamere in collaborazione con il Conai e Novamont, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare. Il rapporto misura e pesa la forza della green economy nazionale italiana.

Ne hanno discusso nella sede della Regione Emilia-Romagna Ermete Realacci, Presidente Fondazione Symbola, Stefano Bonaccini, Presidente Regione Emilia-Romagna e Alberto Vacchi, Presidente e AD del Gruppo IMA, che dal 2017 è associato a Symbola, la Fondazione per le qualità italiane che promuove la soft economy insieme ad un modello di sviluppo orientato alla qualità.

Secondo il rapporto, economia verde e produttività sono un binomio indissolubile. Le imprese che investono in economia sostenibile possiedono un dinamismo sui mercati internazionali senz’altro superiore al resto del sistema produttivo, e sono in grado di innovare più delle altre, con particolare riferimento al tema di industria 4.0, le cui tecnologie sono adottate dal 26% delle aziende che hanno intrapreso un percorso in ottica green.

Investimenti che vedono coinvolto anche il Gruppo IMA – come sottolineato da Alberto Vacchi durante l’intervento – a partire dalla certificazione ISO 14001 dei due siti principali in Italia, passando per l’adesione a CDP (Carbon Disclosure Project) nel 2014, fino all’utilizzo per il proprio stabilimento centrale di energia elettrica proveniente esclusivamente da fonti rinnovabili certificate. L’impegno però non si ferma qui: per il futuro IMA sta lavorando ponendo particolare attenzione ai materiali di confezionamento compostabili.

Scopri di più sulle politiche di Sostenibilità del Gruppo IMA »

Altre News

keyboard_arrow_left keyboard_arrow_right