Privacy settings

Utilizziamo cookies tecnici, necessari per il corretto funzionamento del sito, cookies statistici e cookies di marketing (inclusi cookies di terze parti), al fine di mostrarti offerte e pubblicità basate sui tuoi gusti e preferenze. Per maggiori informazioni puoi consultare la nostra Privacy Policy. I cookies statistici e i cookies di marketing (inclusi cookies di terze parti) sono utilizzati esclusivamente con il tuo consenso. Cliccando “Seleziona tutto e acconsenti” consenti il trattamento dei cookies statistici e di marketing (inclusi cookies di terze parti).

Per personalizzare le tue impostazioni privacy, seleziona le tue preferenze tra le caselle qui sotto e clicca “Applica la selezione”. Ti ricordiamo per puoi modificare le tue impostazioni privacy in qualsiasi momento e disattivare i cookies, seguendo le istruzioni riportate nella Privacy Policy.

Show preferences Select all and accept
IMA sta caricando
Pubblicato il 10/05/2021

Salviette di nuova generazione: prive di plastica e biodegradabili.

Guido Conio, Direttore vendite Teknoweb

Teknoweb Converting: leader nella produzione di salviettine umidificate

Nel team di aziende IMA Tissue&Nonwoven, Teknoweb è il riferimento per la produzione di salviettine umidificate per tutte le categorie: cura personale, domestica e industriale, sia in pila che in rotolo.

Teknoweb è conosciuta sul mercato come fornitore di linee di trasformazione e confezionamento all’avanguardia con il Costo Totale di Proprietà (Total Cost of Ownership – TCO) più basso, proponendosi come fornitore unico di linee complete per produrre salviettine umidificate.

L’integrazione delle macchine prodotte da altre aziende appartenenti al team T&NW nelle sue soluzioni complete crea una sinergia di successo per fornire impianti di produzione chiavi in mano di prima classe.

Aderendo al progetto sostenibile aziendale IMA Zero, Teknoweb partecipa attivamente nel programma IMA NoPlastic volto a massimizzare l’uso di materiali biodegradabili o compostabili.

Background

Da qualche tempo, le salviette umidificate sono generalmente viste come un pericolo per l’ambiente.

La ragione di ciò non è da attribuire al prodotto stesso che, se adeguatamente gestito come rifiuto, non avrebbe effetti ambientali significativi, bensì alla scarsa attenzione prestata dai consumatori dopo l’uso. Infatti, invece che essere trattati come rifiuti secchi o di plastica, che finirebbero nell’inceneritore, le salviette umidificate sono spesso gettate nel wc, intasando il sistema di trattamento delle acque nere e grigie.

Inoltre, essendo un prodotto ‘’on-the-go’’ (usato quando non c’è acqua nelle vicinanze), le salviette sono spesso disperse nell’ambiente, dove occorrono decenni prima che si disintegrino.

Con l’obiettivo di migliorare l’accettazione del prodotto nel mercato e quindi ridurre l’impatto ambientale delle salviette umidificate, Teknoweb sta collaborando da anni con le maggiori aziende produttrici di tessuti e fibre.

Lo scopo era e tuttora continua ad essere l’identificazione di una materia prima con basso – o addirittura nullo – impatto ambientale, che possa essere lavorata senza impatti negativi, rispetto a quella standard normalmente composta da PP, PE o viscosa o ancora peggio un mix dei tre.

Il materiale identificato dai produttori di tessuti è composto da fibre cellulosiche derivate dalla pasta di legno. In alcuni prodotti estremi, questo è tenuto insieme da resine che si dissolvono con il movimento in acqua. Questi prodotti possono quindi essere gettati nel water dopo l’uso senza provocare danni e grazie all’assenza di plastica essi si dissolvono dopo ore o giorni – invece che decadi – se dispersi nell’ambiente. Questo è il futuro sostenibile delle salviettine umidificate.

 La sfida

I nuovi materiali presentano una bassa resistenza all’umidità, un’elevata rigidità e sono sensibili al calore, il che riduce la loro resistenza a secco.

Nelle macchine per salviettine tradizionali i materiali sono soliti rompersi a causa del calore generato durante la fase di svolgimento. Di conseguenza queste macchine non raggiungono velocità di lavorazione elevate. L’uso di nuovi materiali significa accettare una perdita cospicua in termini di velocità ed efficienza, rendendo l’uso dell’alternativa sostenibile più costosa per il produttore.

La soluzione

Teknoweb ha sviluppato ed usato per la prima volta una tecnologia capace di eliminare le inefficienze risultanti dai nuovi materiali biodegradabili nelle proprie macchine per salviettine bagnate, e nello specifico:

  • Svolgitori con controllo della tensione senza l’utilizzo di motori e dispositivi di cambio bobina a zero velocità
  • Utilizzo di barre di rotazione del tessuto a basso attrito per ridurre lo sviluppo di calore
  • Cinghie di trasmissione in tessuto multistrato, tecnologicamente avanzate, dentate e guidate per gestire l’alta tensione del nastro di salviettine senza rischio di scivolamento.
  • Il sistema di bagnatura multi-step del tessuto permette una regolazione ottimale della quantità di lozione fino al punto di saturazione, senza rischio di rottura del tessuto stesso.
  • Valvole di non ritorno per evitare la sovra-bagnatura del tessuto in caso di fermo linea e conseguente rottura alla ripartenza della linea.

Oggi Teknoweb consente ai suoi clienti di lavorare materiali biodegradabili con la stessa velocità ed efficienza dei materiali tradizionali. Finalmente essere “green” non significa più avere costi maggiori rispetto alle consuete tecniche di produzione.