Privacy settings

Utilizziamo cookies tecnici, necessari per il corretto funzionamento del sito, cookies statistici e cookies di marketing (inclusi cookies di terze parti), al fine di mostrarti offerte e pubblicità basate sui tuoi gusti e preferenze. Per maggiori informazioni puoi consultare la nostra Privacy Policy. I cookies statistici e i cookies di marketing (inclusi cookies di terze parti) sono utilizzati esclusivamente con il tuo consenso. Cliccando “Seleziona tutto e acconsenti” consenti il trattamento dei cookies statistici e di marketing (inclusi cookies di terze parti).

Per personalizzare le tue impostazioni privacy, seleziona le tue preferenze tra le caselle qui sotto e clicca “Applica la selezione”. Ti ricordiamo per puoi modificare le tue impostazioni privacy in qualsiasi momento e disattivare i cookies, seguendo le istruzioni riportate nella Privacy Policy.

Show preferences Select all and accept
IMA sta caricando
Pubblicato il 22/02/2019

IMA nel progetto BI-REX, fabbrica di tecnologia per le imprese

IMA è entrata a far parte del progetto BI-REX (Big Data Innovation & Research Excellence), consorzio che raggruppa 57 attori tra Università, Centri di Ricerca e Imprese e che si pone come obiettivo la creazione di un nuovo e gigantesco impianto pilota/laboratorio, che sorgerà presso la Fondazione Golinelli di Bologna.

Il focus di questo spazio gigante da 2400 metri quadrati è aiutare piccole e medie imprese nella creazione e nel lancio di trenta progetti ad alta vocazione tecnologica, che spazieranno dai big data alla robotica, dall’automazione dei sistemi alla tracciabilità dei prodotti, passando per il biomedicale, l’economia circolare e la diagnostica predittiva.

25 i milioni di euro stanziati per questo progetto (9 provenienti dal MEF e i restanti messi a disposizione da partner privati) che mira ad agevolare piccole e medie aziende del territorio nella creazione di nuove tecnologie.

A fianco di IMA Group, molti nomi prestigiosi tra cui Ducati, Hera, Eni, Siemens, Sacmi, Conad.

Scopri di più sul progetto IMA Digital »