Privacy settings

Utilizziamo cookies tecnici, necessari per il corretto funzionamento del sito, cookies statistici e cookies di marketing (inclusi cookies di terze parti), al fine di mostrarti offerte e pubblicità basate sui tuoi gusti e preferenze. Per maggiori informazioni puoi consultare la nostra Privacy Policy. I cookies statistici e i cookies di marketing (inclusi cookies di terze parti) sono utilizzati esclusivamente con il tuo consenso. Cliccando “Seleziona tutto e acconsenti” consenti il trattamento dei cookies statistici e di marketing (inclusi cookies di terze parti).

Per personalizzare le tue impostazioni privacy, seleziona le tue preferenze tra le caselle qui sotto e clicca “Applica la selezione”. Ti ricordiamo per puoi modificare le tue impostazioni privacy in qualsiasi momento e disattivare i cookies, seguendo le istruzioni riportate nella Privacy Policy.

Show preferences Select all and accept
IMA sta caricando

Gestione dei rifiuti

La tipologia di rifiuti provenienti dalle attività produttive di IMA è costituita prevalentemente da materiali da imballo misti, quali materiali plastici e similari, cartone, legno e vetro. In aggiunta, dagli stabilimenti dove vengono svolte le lavorazioni meccaniche della superficie dei metalli ad asportazione di truciolo, si originano scarti costituiti da residui quali limatura di ferro e di alluminio, rottami ferrosi e di altri metalli, quali alluminio, bronzo e ottone.

In misura minore, occorre considerare i rifiuti derivanti dalle attività di collaudo delle macchine automatiche prodotte. I collaudi vengono eseguiti con i materiali e i prodotti da confezionare, inviati direttamente dai clienti (ad esempio prodotti farmaceutici, cosmetici, medicinali e prodotti alimentari quali tè, caffè, dado da brodo e formaggio).

 

Infine, per quanto riguarda i rifiuti liquidi (comunque avviati per lo più a depurazione, quindi non costituenti scarico nei corpi idrici recettori), gli stabilimenti IMA producono emulsioni oleose di scarto e oli minerali esausti, generati dalle attività di manutenzione delle macchine utensili delle officine meccaniche e dalle operazioni di manutenzione delle macchine automatiche in assemblaggio e collaudo. Oltre a questi, altri rifiuti liquidi prodotti sono le soluzioni acquose di scarto derivanti dal lavaggio delle macchine automatiche a seguito dei test e dei collaudi con i prodotti da confezionare e dalle prove con acqua demineralizzata.

Sono inoltre inclusi anche una piccola quantità di RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) e cavi elettrici (rame).

 

In Italia, presso ogni stabilimento, tutti i rifiuti prodotti dall’attività aziendale vengono raccolti separatamente per tipologia e smaltiti, da parte di trasportatori incaricati ed in possesso delle necessarie autorizzazioni, nel rispetto della normativa, entro le frequenze temporali massime stabilite dal D. Lgs. 152/2006 di riferimento, privilegiando impianti di destinazione che attuano un trattamento finalizzato al recupero di materia o di energia. Anche presso le aree di ufficio è attuata la raccolta differenziata (ad esempio per toner, carta e cartone), così come presso le zone ristoro e nei refettori mensa (ad esempio per plastica e organico): tutto il personale è stato formato e informato in merito ai criteri di differenziazione dei rifiuti. Per quanto riguarda le società di IMA nel mondo, i rifiuti vengono gestiti nel rispetto delle normative locali vigenti e con le modalità di recupero e smaltimento previste.

 

Solo il 7,3% dei rifiuti smaltiti da IMA è classificato pericoloso. Il 32,9% dei rifiuti prodotti da IMA nel 2020 è stato avviato a operazioni di riciclo e riuso; il 8,4%, a recupero energetico.

Nel corso del 2020 non si sono verificati sversamenti accidentali significativi né scarichi di reflui contenenti prodotti chimici, rifiuti o carburanti, a riprova della corretta attuazione delle procedure previste dal Sistema di Gestione ambientale e della sensibilizzazione, formazione e addestramento del personale addetto.

L’andamento dei dati relativi ai rifiuti prodotti e smaltiti riflette un miglioramento costante della qualità dei dati monitorati.

La diminuzione del 5,7% sul totale dei rifiuti generati nel 2020, rispetto al 2019, è principalmente dovuta all’impatto che la pandemia da COVID-19 ha avuto sulla produzione.

RIFIUTI SMALTITI PER TIPOLOGIA DI SMALTIMENTO (in tonnellate)

  TOTALE 2018

TOTALE 2019

TOTALE 2020
  Pericolosi Non pericolosi Totale Pericolosi Non pericolosi Totale

Pericolosi

Non Pericolosi

TOTALE 2020

Riciclo/Riuso 2,52 1.769,40 1.771,92 19,27 1.914,92 1.934,19 0,44

1.797,09

1.797,53

Recupero energetico 64,10 64,10 82,92 82,92 –  460,67 460,67
Giacenza e/o messa in riserva ai fini di recupero 113,93 1.383,42 1.497,3 181,76 1.206,31 1.388,07 153,39

1.129,92

1.283,32

Incenerimento 3,88 135.38 139,26 27,80 134,20 162,00 11,11 34,26 45,37
Discarica 0,09 364,35 364,44 539,72 539,72 0,02 328,72 328,74
Altre operazioni di smaltimento (es.depuratore) 260,77 1.031,23 1.292,00 200,57 1.341, 77 1.542,34 223,80

1.284,89

1.508,70

Giacenza e/o messa in riserva ai fini di smaltimento 124,40 85,99 210,39 75,56 69,53 145,09 7,76 32,73 40,49

TOTALE

505,57 4.833,88 5.339,45 504,96 5.289,37 5.794,33 396,53 5.068,28 5.464,81