Privacy settings

We use technical cookies, that are necessary for the management of the website, statistical cookies and marketing cookies (including third parties cookies) for displaying individual offers and ads. For more information read our Privacy Policy. Statistical cookies and marketing cookies (inclusive of third parties cookies) are used only with your consent. By clicking “Select all and agree” you consent to our use of statistical and/or marketing cookies (inclusive of third parties cookies).

To customize your privacy settings, tick your preferences in the checkboxes and click “Apply selection”. You can always change the privacy settings and deactivate cookies by following the instructions in the Privacy Policy.

Show preferences Select all and accept
IMA sta caricando

Energy management

La gestione dei consumi energetici è un ambito fondamentale per poter ridurre le emissioni, dirette e indirette, e ottenere al contempo risparmi e vantaggi economici: per tale ragione IMA riserva particolare attenzione alle attività per l’ottimizzazione dei consumi.

In applicazione a quanto previsto dall’art. 8 del D. Lgs n. 102/2014 (Recepimento direttiva UE 27/2012, obblighi in materia di Efficienza Energetica), IMA S.p.A., rientrante nel campo di applicazione della normativa in qualità di “Grande Impresa”, ha incaricato una ESCo (Energy Service Company) di eseguire le Diagnosi Energetiche presso i principali stabilimenti produttivi. In accordo con le Linee Guida emanate da ENEA, sono stati presi in considerazione tutti gli stabilimenti di IMA in Italia (non solo quelli inclusi nel perimetro del presente bilancio, ma anche le unità produttive di aziende associate alla Capogruppo IMA S.p.A. con percentuali comprese tra il 25% e il 50%). Da tale “clusterizzazione”, si sono individuati i siti da sottoporre a Diagnosi Energetica: nella fattispecie, le Diagnosi eseguite nel corso del 2019 hanno riguardato tre stabilimenti produttivi di IMA S.p.A. – i siti di Via Emilia 428-442 e Via I° Maggio 14-16 a Ozzano (BO) e il sito di Via Romagnoli 2-6 a Bentivoglio (BO) – e hanno permesso di individuare diversi potenziali interventi di efficientamento energetico, da poter valutare di applicare negli anni successivi.

Scopo della Diagnosi Energetica è quello di ottenere una conoscenza approfondita del reale andamento dei consumi energetici della realtà sottoposta ad esame, al fine di individuare le più efficaci modifiche per conseguire i seguenti obiettivi:

• migliorare l’efficienza energetica;
• ridurre i costi di approvvigionamento energetico;
• riqualificare il sistema energetico;
• migliorare la sostenibilità ambientale.

Le modalità adottate per ridurre il consumo di energia sono diverse: dall’adozione di comportamenti responsabili da parte del personale (per esempio, nel regolamento aziendale è raccomandato di spegnere i pc a fine giornata lavorativa), agli investimenti su impianti, macchinari e dispositivi efficienti e/o a basso consumo energetico (riguardanti i servizi generali e ausiliari alla produzione), passando per l’implementazione negli impianti tecnologici di sistemi di supervisione per il loro controllo e monitoraggio (possibilità di programmazione dei parametri di funzionamento e orari di accensione e spegnimento, ricezione di feedback in caso di perdite e/o guasti).

Nel 2019, considerando le aziende italiane del perimetro, su 88.820,87 GJ di energia elettrica acquistata il 40,4% risulta proveniente da fonte rinnovabile: nel 2019, i siti di Via Emilia 428-442 e Via I Maggio 14-16 a Ozzano (BO) sono stati approvvigionati da energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili certificate. Inoltre, sono stati prodotti e autoconsumati 2.202,43 GJ di energia elettrica da fotovoltaico, mentre 666 GJ sono stati prodotti e immessi in rete.

Nel corso dell’ultimo anno si è verificato un incremento del consumo complessivo totale di energia elettrica relativamente alle Società italiane di IMA. Parallelamente, in linea con gli anni precedenti, si è verificato un contemporaneo ulteriore ampliamento del numero di siti industriali di IMA, che ha fatto nuovamente segnare anche nel 2019 una crescita in termini di ricavi, di personale e di superficie produttiva. Il rapporto tra l’energia elettrica acquistata e il numero di dipendenti totale di IMA è pari a 5829,01 kWhe pro-capite.

I consumi di gas naturale, gasolio e GPL sono dovuti in primis al funzionamento degli impianti e dei macchinari, anche a servizio della produzione (per la maggior parte, all’alimentazione degli impianti termici per il riscaldamento degli ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria). In particolare, l’andamento del gas naturale, che non differisce di molto rispetto a quello dell’anno precedente, riflette le variazioni del perimetro di rendicontazione.
I restanti consumi di combustibili (benzina in aggiunta ai suddetti) sono da attribuire all’alimentazione di autovetture e autocarri del pool aziendale: dal 2019 i dati relativi al parco auto aziendale comprendono anche i consumi legati alle auto a noleggio (come le auto in leasing operativo e/o finanziario).

RIEPILOGO ANDAMENTO ANNUALE 2017 DEI CONSUMI ENERGETICI (GJ)3

  TOTALE 2017 TOTALE 2018 TOTALE 2019
Consumi energetici da fonti non rinnovabili  
Gas Naturale (utilizzato per riscaldamento ambienti di lavoro) 192.038 116.323 110.914,50
Gas Naturale (utilizzato per alimentazioni veicoli) n.d. 1 21,64
GPL (utilizzato per prove di tostatura e collaudo macchine torrefattrici e per alimentazione veicoli) 56 57 373,87
Gasolio (utilizzato per alimentazione gruppi elettrogeni, motopompe e gruppi di spinta antincendio e idropulitrici e per alimentazione veicoli) 35.703 30.945 37.008,23
Benzina (utilizzato per alimentazione veicoli) 2.205 1.322 6.068,41
Totale 230.002 148.648 154.386, 65
Consumi energetici da fonti rinnovabili      
Energia elettrica acquistata (tot.) 126.889 129.710 128.760
di cui proveniente da fonte rinnovabile certificata n.d. 33,175 35.945
Energia Elettrica autoprodotta e consumata (da fotovoltaico) 2.205 1.351,23 2.683,77
Energia Elettrica autoprodotta e venduta/reimmessa in rete (da fotovoltaico) 56 29,49 666,00

*Dal 2019 il dato comprende anche i consumi legati alle auto a noleggio (auto in leasing operativo e/o finanziario) .

INVESTIMENTI PER L’EFFICIENZA ENERGETICA E L’IMPIEGO DI ENERGIA RINNOVABILE

IMA ha approntato programmi e iniziative volte alla riduzione continua degli impatti ambientali e al miglioramento dell’efficienza nell’uso delle risorse energetiche.

In particolare, per sviluppare il suo impegno, IMA ha portato avanti in Italia le seguenti iniziative:

• dal 2014, per il suo stabilimento di maggiori dimensioni, nonché sede legale di IMA, ovvero il sito di Via Emilia 428/442 di Ozzano dell’Emilia (BO), l’energia elettrica è approvvigionata esclusivamente da fonti rinnovabili certificate. Dall’anno 2018, IMA ha esteso tale fornitura anche al sito di Via I Maggio 14-16 di Ozzano dell’Emilia (BO); insieme, il consumo di tali due siti costituisce circa il 40% dell’energia elettrica che IMA acquista nel mercato libero italiano. Tale fonte di energia verde è certificata da appositi GO (certificati sulla Garanzia d’Origine) rilasciati a IMA dall’ente distributore;

• produce energia elettrica rinnovabile da impianti fotovoltaici:

  • stabilimento di Ozzano (BO), Via Emilia 428-442, di IMA S.p.A.: potenza 155 kWp;
  • stabilimento di Ozzano (BO), Via Piave 16, di IMA S.p.A.: potenza 310,9 kWp;
  • stabilimento di Osteria Grande (BO), Via Friuli 38-40, della Società G.S. Coating Technologies: potenza 70 kWp;
  • stabilimento di Ozzano (BO), Via Nobel 34, della Società Revisioni Industriali S.r.l.: potenza 19,5 kWp;
  • stabilimento di Ilapak Italia S.p.A., via Lama 11-13 a Foiano della Chiana (AR): impianto di potenza 55,575kWp;
  • stabilimento di Eurosicma S.p.A.: impianto da 158,4 kWp;
  • stabilimento di Atop S.p.A.: impianto da 93,2kWp;

• produce energia termica rinnovabile tramite collettori solari (a supporto di una centrale termica dello stabilimento di Via Emilia 428-442), con conseguente risparmio nel consumo di gas naturale;
• nel corso del 2019, ha provveduto alla sostituzione, nei sistemi di illuminazione degli ambienti di lavoro, delle lampade fluorescenti con LED di nuova generazione; tale graduale intervento è in previsione, nel corso degli anni a venire, per la totalità dei siti;
• ha avviato da qualche anno un programma di sostituzione progressiva di:

  • compressori di vecchia generazione con nuovi modelli dotati di motori comandati a inverter, più efficienti anche ai carichi parziali;
  • UPS (gruppi di continuità) con nuovi modelli più efficienti;
  • condizionatori con nuovi modelli che garantiscono maggiore efficienza e centralizzazione degli impianti;

• ha avviato la costruzione di un nuovo fabbricato ad uso della Divisione Safe di IMA S.p.A. a Ozzano (BO), sul coperto del quale sarà predisposto un impianto fotovoltaico di potenza nominale di 994 kWp;
• ha di recente acquisito in locazione uno stabilimento in Via degli Artigiani a Castel San Pietro Terme (BO), per futuro utilizzo da parte della Divisione IMA Life, sul coperto del quale è predisposto un impianto fotovoltaico di 55,58 kWp e sul quale gode del diritto di superficie.

Altri potenziali interventi di efficienza energetica previsti per il futuro, in Italia, riguardano:

• l’installazione di un impianto di trigenerazione, alimentato a gas naturale, per produrre energia elettrica, acqua calda per il riscaldamento e acqua refrigerata per il condizionamento;
• l’acquisto di energia elettrica esclusivamente da fonti rinnovabili certificate per gli altri siti di IMA.

In generale, nei prossimi anni, uno degli obiettivi primari sarà il rispetto delle tecniche di ecosostenibilità per gli stabilimenti di nuova costruzione oppure in fase di ristrutturazione e/o ampliamento (ad esempio: predisposizione di doppi vetri, cappotto isolante di rivestimento intramurario, sistemi efficienti per la generazione di calore o raffrescamento estivo, ecc.), allo scopo di ridurne il fabbisogno energetico.

Scarica il Bilancio di Sostenibilità »