Utilizziamo cookie tecnici e, previa prestazione di consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, cliccando o toccando un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner si presta il consenso all’uso di tutti i cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso.
IMA sta caricando
Pubblicato il 05/09/2019

ODY: online il nuovo assistente virtuale del Gruppo IMA

Si chiama “ODY” e a partire da oggi è il nuovo assistente virtuale del Gruppo IMA, con il compito di facilitare l’esperienza di navigazione sui propri canali di Comunicazione Web, per rispondere con immediatezza e gentilezza alle richieste degli utenti. ODY è infatti un chatbot, ovvero un software basato sull’Intelligenza Artificiale (AI) progettato per simulare una conversazione con una persona reale.

 “ODY è il frutto di quasi un anno di lavoro, in cui abbiamo voluto proseguire nel percorso evolutivo del nostro ecosistema di comunicazione secondo i paradigmi del 4.0. Nel 2017, dopo aver lanciato il programma di trasformazione digitale “IMA Digital” ad Interpack, abbiamo ripensato anche la nostra presenza online con il fine di renderla sempre più accessibile, interattiva e trasparente per i nostri stakeholder: dagli investitori finanziari, passando per enti di ricerca, fino ai nostri clienti e potenziali tali, che nel web sono alla ricerca costante di informazioni e soprattutto di risposte immediate, concrete, facili da reperire” spiega Daniele Vacchi, Direttore Comunicazione Corporate del Gruppo IMA: “a seguito di un lavoro condiviso con oltre 50 addetti intrapreso nel 2017, oggi siamo pronti per iniziare un percorso che grazie alle nuove tecnologie ci abilita verso una comunicazione digitale sempre più one-to-one, vicina ai nostri utenti e alle loro esigenze”.

ODY, infatti, sfrutta l’intelligenza artificiale e il machine learning per poter comprendere le richieste degli utenti e poter rispondere in modo amichevole e diretto: “Quello che abbiamo cercato in ODY tramite l’utilizzo dell’intelligenza artificiale e il machine learning è l’empatia. Ci siamo chiesti a lungo: come possiamo creare una connessione emotiva con il nostro utente, pur all’interno di un sistema digitale? Come possiamo farci perdonare nel caso in cui ODY, soprattutto nelle fasi iniziali, non riesca a comprendere perfettamente i nostri utenti?” spiega Alessio Zini, Corporate Web Communication Strategist del Gruppo IMA: “a partire da queste domande e dai valori di IMA, abbiamo creato l’identità di ODY, che per definizione è in apprendimento continuo e potrà, a tendere, relazionarsi sempre meglio, allargando contestualmente gli argomenti di conversazione e i canali di applicazione”.

Il primo progetto per cui ODY è stato istruito e sul quale è in grado di interagire riguarda il tema della produzione in continuo per forme solide orali di cui CROMA è uno dei prodotti in evidenza.

Laura Mazzanti, Marketing Team Leader di IMA Active, divisione del Gruppo focalizzata sullo sviluppo di soluzioni per la produzione di farmaci in forma solida orale, spiega: “CROMA è una macchina automatica di nuova generazione che rappresenta un’intelligenza artificiale in grado di aprire le porte del futuro per guidarci al suo interno. Un avvenire fatto di connessione, scambio di informazioni e controllo continuo. Nel nostro concept, rette, parabole e connessioni infinite rappresentano una linea di produzione in continuo”. E aggiunge: “La forza di ODY sta nel suo essere autonomo, attivo 24 ore su 24, per offrire agli utenti aiuto alla navigazione e risposte immediate, attraverso un linguaggio umano ed empatico. In questo contesto nascono le #cromatalks: conversazioni lanciate con cadenza mensile che, a partire da argomenti selezionati e variamente riconducibili al mondo della robotica, fanno da volano a un approfondimento verticale sul mondo della produzione in continuo”.

La scelta di questa piattaforma è coerente con l’approccio che IMA Active ha adottato nei confronti del Continuous Manufacturing. Giudicato come uno dei driver principali per l’innovazione nel campo dell’industria farmaceutica, il Continuous Manufacturing richiede un approccio necessariamente dialettico, aperto al confronto con clienti, enti regolatori, accademici, per disegnare insieme il futuro della produzione dei farmaci.

Chatta ora con ODY e avvia una #cromatalks »