Privacy settings

Utilizziamo cookies tecnici, necessari per il corretto funzionamento del sito, cookies statistici e cookies di marketing (inclusi cookies di terze parti), al fine di mostrarti offerte e pubblicità basate sui tuoi gusti e preferenze. Per maggiori informazioni puoi consultare la nostra Privacy Policy. I cookies statistici e i cookies di marketing (inclusi cookies di terze parti) sono utilizzati esclusivamente con il tuo consenso. Cliccando “Seleziona tutto e acconsenti” consenti il trattamento dei cookies statistici e di marketing (inclusi cookies di terze parti).

Per personalizzare le tue impostazioni privacy, seleziona le tue preferenze tra le caselle qui sotto e clicca “Applica la selezione”. Ti ricordiamo per puoi modificare le tue impostazioni privacy in qualsiasi momento e disattivare i cookies, seguendo le istruzioni riportate nella Privacy Policy.

Show preferences Select all and accept
IMA sta caricando
Pubblicato il 11/12/2020

La rivoluzione di IMA Coffee Petroncini: il nuovo CEO Nicola Panzani alla guida della storica azienda emiliana

Un’intervista con:

Nicola Panzani, Amministratore Delegato di IMA Coffee Petroncini
Claudio Giberti, Direttore Progetti Speciali di R&D presso IMA Coffee Petroncini

Con oltre 100 anni di esperienza nel mercato, difficilmente si potrebbe dire che Petroncini sia nuova alle tecnologie di trasformazione del caffè. La storia di Petroncini è degna della migliore tradizione Made in Italy. Dai primi del ‘900 l’azienda è diventata famosa in tutto il mondo per la qualità della manifattura delle sue tostatrici: i materiali robusti e le lavorazioni in ghisa tipiche della manifattura italiana dell’epoca sono diventate il passaporto di Petroncini nel mondo.

Dopo 100 anni, IMA Coffee Petroncini, supportata dalle organizzazioni di R&S, vendita e assistenza di IMA Group, si trova ad una significativa svolta nella sua storia. Nicola Panzani è stato recentemente nominato nuovo CEO di IMA Coffee Petroncini, con l’obiettivo di guidare l’azienda verso nuovi importanti traguardi, frutto di importanti sinergie.

Durante la recente conferenza stampa, Claudio Giberti, che è stato amministratore delegato di Petroncini dal 1990, racconta questo momento come un punto cruciale per l’azienda.

“Sono davvero felice di lasciare un ruolo da protagonista a una persona di grande talento, di cui mi fido profondamente. Condurrà l’azienda verso nuovi ampi orizzonti”, ha affermato durante la presentazione ufficiale. “I torrefattori di tutto il mondo devono aspettarsi grandi novità dal portfolio Petroncini. Continuerò la mia missione nel mondo del caffè e mi dedicherò completamente a nuovi progetti speciali di ricerca e sviluppo per consolidare la nostra mission di innovazione” continua.

Quali sono i motivi della solidità dell’azienda?

“L’impegno e la ricerca continua sono stati strumenti essenziali che hanno permesso all’azienda di raggiungere un traguardo molto importante nell’ultimo anno: 100 anni creando soluzioni per l’industria del caffè” afferma Giberti.
“C’è una verità importante che mi rende particolarmente orgoglioso di questo traguardo e che ha permesso di mantenere la consapevolezza del nostro marchio: l’innovazione applicata alle macchine Petroncini negli anni non ha in alcun modo intaccato la robustezza dei materiali e l’affidabilità dell’originale prodotto” continua. “Al contrario, negli anni, l’impegno in R&S ha consentito di mettere a punto soluzioni in grado di ottenere il massimo livello di tecnologia, efficienza, produttività e sicurezza, per qualsiasi esigenza, capacità dell’impianto e linea di lavorazione, dalla A alla Z. È solo grazie a questi presupposti che, con orgoglio, ora posso affermare che i 100 anni di esperienza di Petroncini rappresentano la solida base di partenza per altrettanti anni che porteranno il nome di IMA Coffee Hub” dice Giberti.

Come è cambiato il mercato e quali sono oggi le caratteristiche e le innovazioni applicate alle tostatrici IMA Coffee Petroncini che rispondono alle tendenze del mercato?

“Il nuovo concetto di macchina Petroncini rispetta fedelmente gli elementi essenziali della lunga tradizione dell’azienda” spiega Nicola Panzani, CEO di IMA Coffee Petroncini “ma ora la tecnologia è il valore fondamentale delle tostatrici ed impianti di nuova generazione, dai sistemi di ricevimento del caffè verde fino a completare le linee di confezionamento.”
“Oggi i fattori chiave del successo di una torrefazione sono principalmente la qualità, la consistenza del prodotto e la personalizzazione dell’aroma, senza tralasciare altri fattori importanti come la massima produttività, l’efficienza energetica e la salvaguardia dell’ambiente” continua Panzani. “La sfida più interessante degli ultimi anni è stata quella di mettere a punto un sistema di controllo della tostatura in grado di garantire affidabilità, costanza e ripetibilità del prodotto finale nel tempo per le produzioni industriali”. Petroncini ha progettato la TMR nel 1995 per la prima volta, continua Panzani, e da allora gli sforzi di ricerca per migliorare questa tecnologia non si sono mai fermati. “Oggi i vantaggi di queste macchine sono notevoli e possiamo affermare, grazie ai nostri clienti, che la TMR possiede il controllo di tostatura più affidabile presente sul mercato” racconta Panzani.

Quali sono i vantaggi delle tostatrici TMR?

“Meno CO2 emessa, meno manutenzioni, più pulizia all’interno della macchina sono solo alcuni dei vantaggi della configurazione del modello TMR. Ha inoltre notevoli vantaggi sul risparmio energetico, con una media del 30/35% rispetto alle tostatrici tradizionali, e sistemi di sicurezza estremamente affidabili” spiega Panzani.

Cosa ti aspetti dal futuro?

“Dalla costituzione dell’IMA Coffee Hub, nel 2017, l’azienda è in crescita esponenziale. Grazie al supporto di IMA, che ha studiato, esaminato e colto le chiavi del successo dell’azienda, oggi IMA Coffee Petroncini ha tutte le risorse per affrontare nuovi percorsi nei progetti in cui è forte e per esplorare nuovi mercati e nuove tecnologie per evolversi continuamente. Sono orgoglioso di far parte di questa grande ed innovativa realtà” dichiara Panzani.

Sembra di intuire che ci siano nuovi progetti all’orizzonte.

“Assolutamente sì. Lo stabilimento di IMA Coffee Petroncini, già dotato di numerosi strumenti di R&S e tostatrici adibite a test e prove, integrerà presto un nuovo laboratorio interamente dedicato alle tecnologie di lavorazione e analisi del caffè, per una superficie totale di 2000 mq e un investimento complessivo di oltre 1 milione di Euro”.
Con un importante investimento economico, la IMA Coffee Petroncini sta potenziando il suo Coffee R&D LAB, che sarà il nuovo punto di partenza per molte novità dedicate all’industria del caffè.
All’interno del Coffee R&D LAB sarà a breve installato un nuovo impianto pilota completo delle migliori tecnologie e soluzioni per il caffè, dalla ricezione del verde alla tostatura, dalla macinatura fino alle confezionatrici, sia per confezionamento in capsule che in sacchetti verticali. Qui, i clienti potranno testare le tecnologie di processo più avanzate, affiancati da trainers e consulenti altamente qualificati sulle tecniche di trasformazione del caffè.
“Alcuni progetti stanno già vedendo la luce all’interno del nuovo Coffee R&D LAB. Uno di questi è strettamente correlato ai sistemi di controllo della tostatura ed è denominato “Ai-learning to roast”, un nuovo modello di controllo che utilizza l’intelligenza del Machine Learning. Uno dei principali vantaggi che questo progetto si propone di ottenere è l’automatizzazione del processo di tostatura in modo da garantire costanza di prodotto indipendentemente da fattori esterni come condizioni ambientali mutevoli e caratteristiche organolettiche di prodotto. In questo modo il sistema diventa autonomo e meno dipendente dalle competenze degli operatori” svela Panzani.
È stato potenziato un team R&D specificamente dedicato alla progettazione di nuovi prototipi per le tecnologie di tostatura e lavorazione, spiega Panzani. Il team di ricerca lavorerà in sinergia con la divisione di IMA Digital per l’evoluzione di nuovi importanti progetti legati all’Industria 4.0. Tecnologie IoT, Remote FAT e Virtual Commissioning, connettività Cloud sono solo alcuni dei punti chiave della rivoluzione in atto, con l’obbiettivo di migliorare drasticamente la qualità delle macchine e la produttività delle aziende clienti.

19 Maggio 2021
DOMINA online event | Meet the Master
È il momento di svelare DOMINA, la nuova comprimitrice altamente tecnologica. Riserva il tuo posto in prima fila.
close