Utilizziamo cookie tecnici e, previa prestazione di consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, cliccando o toccando un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner si presta il consenso all’uso di tutti i cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso.
IMA sta caricando
Pubblicato il 08/10/2019

IMA Digital, 24 i cantieri digitali per la Smart Factory del futuro

IMA Digital, il progetto di sviluppo digitale lanciato in occasione di Interpack 2017, compie i due anni di vita. Il team di coordinamento a guida dell’iniziativa, composto da Dario Rea (Research and Innovation Director), Pier Luigi Vanti (ICT Director) e Monica Cervellati (IMA Digital Communication Manager) racconta il percorso di questi due anni e dei 24 cantieri digitali attivi.

IMA Digital, il progetto di innovazione e consolidamento della strategia digitale del Gruppo, lanciato in occasione di Interpack 2017 a Düsseldorf, ha compiuto i due anni di vita.

Introduce il progetto Dario Rea, Research and Innovation Director del Gruppo: “Siamo felici di aver raggiunto questo importante traguardo: due anni intensi e proficui di attività volte all’innovazione e alla digitalizzazione di processi e funzioni. Oggi contiamo all’interno del progetto IMA Digital ben 24 fronti di sviluppo digitale, ciascuno con potenzialità molto interessanti.”

Esplora la nuova sezione IMA Digital »

keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right
search
Connected Field Force
search
VR Experience
search
IMA Digital Hub, Pharmintech 2019

“L’attività cardine alla base di IMA Digital ci ha visto impegnati nella realizzazione di Smart Machines, macchine avanzate e tecnologicamente connesse in grado di fornire dati utili al monitoraggio del loro stato. E oggi abbiamo l’opportunità di consegnare ai nostri clienti prodotti connessi e una vasta gamma di servizi in grado di aumentarne l’efficacia di utilizzo”.

La possibilità di ottenere impianti e macchine connesse, spiega D. Rea, è solo il primo passo teso ad una sempre crescente ottimizzazione delle performance di produzione. Attraverso la raccolta dei dati provenienti da macchine e impianti sarà possibile avere una conoscenza più approfondita delle loro reali condizioni di funzionamento permettendone un loro migliore utilizzo con conseguente riduzione degli sprechi.

Oltre alla creazione di Smart Machines, continua D. Rea“abbiamo aperto diversi fronti legati all’Intelligenza Artificiale. L’AI viene usata in vari settori come il controllo qualità e l’analisi dei dati provenienti dalle macchine.

Un’altra applicazione a cui abbiamo dato supporto è nell’Additive Manufacturing attraverso Inkbit, startup nata dal Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory del MIT di Cambridge. La società lavora a una stampante 3D che usando tecniche di Machine Learning è in grado di correggere gli errori di stampa in tempo reale garantendo la geometria del prodotto finito”.

L’Additive Manufacturing non è il solo ambito in cui l’AI ha trovato impiego negli stabilimenti del Gruppo. Nel Progetto IMA Digital trovano concreta applicazione la preventive e predictive maintenance relativa agli impianti,spiega Pier Luigi Vanti, ICT Director del Gruppo: “Siamo in piena corsa alla realizzazione dei codici per unire la connettività dei sistemi alla manutenzione predittiva e preventiva. Una delle sfide da affrontare e vincere è raggiungere la possibilità di prevedere guasti e malfunzionamenti dei sistemi. Grazie a logiche di controllo sempre più precise il Gruppo ha dato vita a diverse azioni volte a ottenere risultati di questo tipo. Le potenzialità che si aprono sono enormi” continua a spiegare P.L. Vanti. “Grazie alla predictive analysis siamo in grado di ridurre i tempi di fermo macchina, procedere con sostituzioni componenti quando necessario, senza incorrere in problematiche non previste. Questo si trasforma in una migliore delivery del prodotto e in un innalzamento delle performance di produzione”.

Inoltre il Gruppo da dato vita a strumenti da poter fornire ai clienti e ai partner, continua a spiegare Pier Luigi Vanti: Abbiamo creato delle Digital Room protette, all’interno delle quali il cliente ha la possibilità di ospitare i propri dati di produzione per condividerli con noi e ottenere un’analisi più approfondita delle performance”, con il fine ultimo di migliorare i flussi produttivi.

Le Digital Room sono un tipo di supporto al clienteche si accompagna ad altri strumenti sui quali il Gruppo ha posto grande attenzione.La Realtà Aumentata e Virtuale, strumenti altamente funzionali in produzione,hanno trovato spazio in attività legate ai training, maintenance degli impianti e gestione dei flussi.

Le Dashboard, piattaforme dove poter visualizzare i dati di produzione secondo logiche aggregatee dalla struttura personalizzabile, sono l’altro grande alleato che il Gruppo vuole offrire ai propri partner “per renderli sempre più consapevoli e autonomi nella gestione degli impianti. Ovviamente queste dashboard sono utilizzabili da pc, smartphone o tablet. La loro versatilità e l’ampia gamma di personalizzazione le rendono gli strumenti ideali per supportare il cliente garantendogli i dati di cui davvero necessita”.

Ampio spazio all’interno di IMA Digital lo hanno trovato attività volte all’organizzazione della struttura del Gruppo con un particolare focus sulla crescita delle professionalità dei dipendenti e sulla gestione di progetti e programmi: “IMA è una vera e propria Smart Factory” spiega Monica Cervellati, IMA Digital Communication Manager, “all’interno della quale infrastrutture e dipendenti collaborano e lavorano in equilibrio sinergico. Ma è il dipendente ad avere sempre la priorità. All’interno del Progetto IMA Digital, sotto la supervisione di Massimo Ferioli, Group Organization Director and IMA Digital coordinator, è stata adottata una piattaforma di Human Capital Management (HCM), per il monitoraggio del percorso di ogni singolo dipendente all’interno del Gruppo” spiega M. Ferioli. “L’obiettivo è quello di avere una proposta progettuale per accompagnare le persone in tutte le loro fasi di sviluppo professionale sin da prima che entrino formalmente in azienda”, e dotarle così delle competenze necessarie per contribuire al successo del Gruppo.”

Un’altra piattaforma, continua M. Cervellati, nata all’interno di IMA Digital vede protagonista la nuova Global Intranet aziendale, concepita con lo scopo di agevolare la comunicazione tra individui e reparti, e dotata di aree di collaborazione dove poter condividere il materiale di lavoro digitale. L’implementazione delle Digital Business Dashboards, altro cantiere di sviluppo digitale all’interno del Progetto, ha permesso di dotare i manager di una piattaforma per gestire al meglio i progetti e le opportunità di business.

Per saperne di più sui 24 progetti IMA Digital, esplora la nuova Sezione del Sito »

Rimaniamo in contatto

Per ulteriori informazioni

Other Updates

keyboard_arrow_left keyboard_arrow_right