Utilizziamo cookie tecnici e, previa prestazione di consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, cliccando o toccando un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner si presta il consenso all’uso di tutti i cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso.
IMA sta caricando

Smart Factory • Connected Enterprise

La “Smart Factory” o Fabbrica 4.0, è la definizione simbolica della quarta rivoluzione industriale. Nella Smart Factory i lavori quotidiani compiuti dagli operatori vanno ad integrarsi con i sistemi cyber-fisici, macchine intelligenti e connesse a reti Internet. Obiettivo è la digitalizzazione e l’

La Smart Factory è quell’ambiente in cui ogni strumento o sistema acquisisce una sua identità nel mondo digitale attraverso auto identificazione, localizzazione, diagnosi stato, acquisizione dati, elaborazione, attuazione e comunicazione.

All’interno della Smart Factorystrumenti e metodi si specializzano nel trattamento e nell’elaborazione di grandi masse di dati con l’obiettivo di far emergere informazioni nascoste per prendere decisioni rapide ed efficaci.

Un insieme virtualizzato, condiviso e configurabile di risorse che affianca i processi tramite la rete, permettendo un accesso diffuso, agevole e “on demand”.

Il cloudpuò ospitare le risorse fisiche necessarie alle macchine in produzione

o applicazioni, dati e processi su piattaforme specifiche.

I sistemi automatizzati si sviluppano e arricchiscono: vedono, imparano e si adattano all’ambiente, garantendo il controllo qualità e del lavoro tra gli operatori, interagendo con persone e strumenti.

Grazie alle Smart Factoryvengono alla luce nuovi dispositivi wearablee nuove interfacce uomo/macchina a supporto delle attività operative, che permettono di veicolare le informazioni in formato visuale, vocale o gestuale.

La creazione di un oggetto passa anche attraverso la stampa 3D: una rivoluzione rispetto ai normali processi produttivi. Si ottiene così la creazione di nuovi ambiti di applicazione e nuovi materiali trattabili, arrivando ad avere finitura e resistenza meccanica sempre migliori.

IMA Smart Factory

IMA ha interpretato a proprio modo i concetti legati alla Smart Factory, implementandoli nell’ambito del manufacturing e legandoli alla produzione del packaging.

Per rendere gli impianti e gli stabilimenti sempre più interconnessi sono state create molteplici aree di sviluppo, grazie alle quali il Gruppo mira a raggiungere nuovi più elevati standard industriali.

Grazie al Virtual Commissioning, e alla creazione dei Digital Twins, IMA intende ridurre i costi legati alla realizzazione degli impianti e ai tempi di fermo macchina.

Con il processo di Smart Manufaturingsono stati introdotti nelle produzione dei vari stabilimenti devicestouchscreene tabletper fornire un accesso agevolato a tutta la documentazione di produzione necessaria tra le linee.

IMA ha adottato Enterprise PaLM, piattaforma di collaborazione tecnica a livello mondiale in grado di fornire disegni, layout e relative distinte materiali tramite file aggiornati, indipendentemente dal software PDM/CAD specifico utilizzato dai progettisti.

Grazie alla Smart Documentationi dipartimenti tecnici di tutte le società del Gruppo gestiscono in sinergia e su un’unica piattaforma la documentazione di prodotto da fornire a partner e clienti.

Con lo Smart Material Flow è stato introdotto in tutte le produzioni un sistema digitale per ottimizzare le operazioni di magazzino e migliorare la visibilità degli articoli durante le transizioni di stato.

Il tutto con l’obiettivo di digitalizzare i dati a supporto del flusso, le procedure di accettazione, test e magazzino.

Con il progetto Digital Workingsono stati forniti strumenti digitali e procedure per facilitare il controllo dell’intero processo di produzione.

Grazie all’Additive Manifaturingsiamo in grado introdurre costantemente nuove tecnologie all’interno degli stabilimenti. Formiamo gli operatori per consentire loro di utilizzare le tecnologie 3DP durante la fase di progettazione e produzione.

Grazie alla ConnectedSupply Chain è stato creato un sistema integrato di strumenti digitali che consente la standardizzazione della comunicazione in entrata e in uscita di preventivi, ordini e acquisti per l’intera catena di fornitura e durante l’intero periodo di produzione.

Virtual Commissioning

Molti cambiamenti stanno avvenendo nel mondo dell'automazione industriale. Per ottenere prestazioni sempre più efficienti e rapide, in termini di consegna dei clienti e sviluppo di soluzioni personalizzate, i produttori devono ricorrere a nuovi sistemi di progettazione industriale che garantiscano v

Il virtualcommissioning, la progettazione di un impianto in un formato virtuale, sta diventando sempre più la risposta ottimale a queste esigenze.

Attraverso un gemello digitale del sistema, un team trasversale e coeso, un software dedicato alla messa in servizio virtuale e un controller è possibile ottenere un Digital Twin: un modello digitale “vivo” collegato a sensori e in grado di riflettere perfettamente il funzionamento di un sistema reale, facendo emergere potenzialità e punti deboli.

Questo nuovo sistema di gestione del progetto può rivelarsi lo strumento ideale per ottenere un design efficace ed efficiente.

Per ottenere un Digital Twin funzionale e realistico è necessario:

  • un modello CAD§un software di controllo della macchina
  • un software dedicato alla messa in servizio virtuale
  • un controller per elaborare segnali digitali e analogici
  • una squadra coesa con abilità trasversali

I vantaggi sono molteplici:

  • problemi e bug di sistema risolti direttamente in fase di progettazione
  • tempi di produzione abbreviati
  • attività in parallelo sullo stesso progetto
  • processi ottimizzati per ciascun referente coinvolto

Smart Manufacturing

Il sistema che permette alle risorse coinvolte un lavoro sinergico, intelligente e connesso. Integriamo know-how, velocità, flessibilità e nuove piattaforme digitali all’interno della catena dei flussi di produzione.

Il manufacturing è oggigiorno soggetto a dinamiche sempre più complesse e articolate. In una realtà industriale in cui si richiede un time-to-market sempre più ridotto, laddove la produzione è orientata a performance ottimizzate e in particolar modo qualora si debba gestire una complessa struttura industriale, si verifica la necessità di avere sempre a disposizione, e in una modalità facilmente accessibile, tutte le informazioni e i dati relativi al prodotto in fase di realizzazione.

Grazie agli approcci Smart Manufacturing le tecnologie digitali sono in grado di abilitare l’interconnessione e la cooperazione di tutte le risorse impiegate nella fabbrica e lungo la catena del valore. Tutto ciò si traduce in maggiore efficienza e competitività.

In quest’ottima IMA ha dotato gli ingegneri e gli operatori di dispositivi digitali (tablet) e monitor touchinstallati su aree di assemblaggio per garantire accesso in tempo reale alla documentazione multimediale e migliorare la collaborazione tra tecnici e reparti tecnico/logistici.

Questo si traduce in una facilitazione nella pianificazione delle attività produttive e nelle fasi di assemblaggio.

IMA ha dato vita a BuDDy, il primo Assistente Digitale nel suo genere.

BuDDyè il primo Assistente Digitale in grado di garantire la condivisione in tempo reale di informazioni e documentazione tecnica, tra persone e referenti di ambienti diversi in una modalità che sia corretta, tracciabile e certificabile.

BuDDynasce per fornire agli operatori delle linee di produzione uno strumento versatile e maneggevole attraverso il quale reperire in modo immediato e diretto documentazione, schede tecniche e manualistica, senza doversi recare fisicamente nei diversi dipartimenti tecnici.

BuDDYAssistente Digitale:

  • È pensato per i guanti protettivi nei reparti di produzione
  • Consente la condivisione e l’aggiornamento della documentazione tecnica in tempo reale tra diversi dipartimenti garantendo qualità, tracciabilità e certificabilità
  • È dotato di batteria integrata con autonomia di 10
  • Supporta un display capacitivo touchscreenda 55
  • È provvisto di maniglie laterali e ruote da 160
  • Ha un cassettoestraibile per tastiera e mouse
  • È dotato di un lettore frontale di impronte digitali

Additive Manufacturing

In ambito Industry 4.0 ha trovato ampio utilizzo l'Additive Manufacturing (o AM), la fusione dei materiali per creare oggetti a partire da modelli 3D, con approccio strato su strato.

L’AdditiveManufacturing (o AM), conosciuto anche come stampa 3D o prototipazione rapida, è il processo di fusione dei materiali per creare oggetti a partire da modelli 3D, di solito con approccio strato su strato, in opposizione ai metodi produttivi di tipo sottrattivo tradizionali.

I vantaggi dell’Additive Manufacturing sono molteplici.

In primis è proprio dell’AD l’utilizzo solo del materiale strettamente necessario per la creazione del pezzo (contrariamente a quanto avviene con l’approccio classico di tipo sottrattivo, dove il materiale viene rimosso a partire da un pezzo di partenza per ottenere l’oggetto finale). Il materiale in eccesso poi può essere riciclato, con una consistente riduzione dello spreco di materia prima, un risparmio sui costi e un minor impatto ambientale.

L’altro evidente vantaggio è la liberta di progettazione che l’AM offre: qualunque oggetto che sia progettabile con CAD può essere facilmente realizzato. Ne conseguono una maggior flessibilità e la possibilità di personalizzazione. L’AM apre poi la strada all’innovazione, creando nuovi design, o variando e rivisitando continuamente versioni di prodotto già esistenti. È possibile creare strutture molto più leggere introducendo il materiale solo dove è necessario.

Proprio per i numerosi vantaggi IMA ha deciso di introdurre all’interno dei propri stabilimenti questo tipo di tecnologia. Grazie all’AM siamo in grado implementare costantemente nuove soluzioni tecniche all’interno delle produzioni, formando gli operatori e consentendo loro di utilizzare le tecnologie 3D durante tutte le fasi di progettazione e produzione.

Digital Workflow

In un mondo accelerato dalle innovazioni tecnologiche bisogna trovare nuovi modi per gestire i flussi e i processi. In questo gli strumenti digitali si dimostrano eccellenti alleati.

Le tecnologie abilitanti dell’Industry4.0 trovano terreno fertile all’interno delle aziende industriali e più in generale nel manufacturing.

L’opportunità di ottenere flussi di lavoro più rapidi e fluidi all’interno dei dipartimenti, delle produzioni e una comunicazione più efficace tra diversi stabilimenti rendono il digitale lo strumento perfetto che ben si sposa con le esigenze odierne richieste dal mercato.

Con l’obiettivo di incentivare l’efficienza della propria organizzazione IMA ha adottato una serie di progetti volti a rendere le comunicazioni intra dipartimenti più efficienti e fluide.

Digital Working

per ridurre drasticamente il quantitativo di carta utilizzato IMAha dotato gli operatori e gli ingegneri di strumenti e procedure digitali che facilitano il controllo dei processi.

Attraverso una ristrutturazione delle procedure interne con analisi su diversi sistemi (SAP, Windchill, SharePoint, HD, …) è stato dato avvio alla creazione di Appper facilitare:

  • la gestione della documentazione tecnica e manualistica
  • La creazione e modifica di articoli materiali
  • la gestione dei flussi di acquisto non produttivi

Smart Flow

All’interno dei magazzini IMA ha creato un sistema digitale per ottimizzare le operazioni e migliorare la visibilità degli articoli durante le loro transizioni di stato, sia in entrata che in uscita.

Si è proceduto a digitalizzare:

  • i dati a supporto del flusso
  • le procedure di accettazione e test
  • le procedure di magazzino

Smart Documentation

Per i dipartimenti di documentazione tecnica è stata sviluppata una piattaforma condivisa tra le diverse società e gli stabilimenti del Gruppo per gestire e produrre documentazione tecnica. Si è provveduto così a creare uno standard comune da condividere con clienti e partner tramite l’utilizzo di formati ad hoc basati su configurazioni macchina.

Enterprise Palm

In collaborazione con Siemens, IMA ha introdotto all’interno dell’organizzazione Enterprise PaLM, piattaforma di collaborazione tecnica a livello mondiale in grado di fornire disegni aggiornati, layout e relative distinte materiali con i file aggiornati, indipendentemente dal software PDM/CAD specifico utilizzato dai progettisti.

Grazie a PaLMè stato possibile gestire il set completo delle informazioni per tutto il ciclo di vita del prodotto, in una modalità facilmente accessibile a ingegneri, addetti alla logistica e alla supplychainWorldwide.

Connected Supply Chain

Per gestire al meglio tutto la catena del valore legata alla Supply Chain, in ottica Worldwide, è stato creato un sistema integrato di strumenti digitali che consente la standardizzazione della comunicazione in entrata e in uscita di preventivi, ordini e acquisti per l’intera catena di fornitura e durante l’intero periodo di produzione.