Utilizziamo cookie tecnici e, previa prestazione di consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, cliccando o toccando un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner si presta il consenso all’uso di tutti i cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso.
IMA sta caricando

Nel cuore del Distretto

L’Emilia-Romagna si caratterizza da sempre per la presenza di formidabili competenze meccaniche, che hanno generato nel territorio un complesso sistema industriale che potremmo definire di “cluster” integrati.

Nel cuore del Distretto

Il cluster della meccanica avanzata e dell’automazione industriale dell’Emilia-Romagna è una realtà fortemente radicata: la grande passione e la profonda cultura nel packaging, nell’automazione e nella meccanica in generale del territorio emiliano-romagnolo hanno dato vita a una rete di imprese dedite alla meccanica avanzata. Realtà nate l’una dall’altra, che si sono ritagliate un proprio settore specifico, contribuendo a forgiare un’identità territoriale ben definita, grazie anche allo scambio di idee e al passaggio di progettisti e tecnici da un’azienda all’altra. Le tante scuole specializzate attive nel territorio favoriscono inoltre il ricambio dei tecnici, generazione dopo generazione, assicurando la continuità delle competenze.

Secondo i dati di UCIMA, in Emilia-Romagna si concentra il 62,1% del fatturato nazionale del settore, pari a circa 4,1 miliardi di euro nel 2016, il 52,7% degli addetti e il 36,9% delle imprese. Considerando le quattro province emiliane sopra menzionate, nel 2016 hanno operato 222 imprese produttrici “pure” di macchine automatiche per imballaggio. Il fatturato generato da queste aziende è stato complessivamente di circa 4,1 miliardi di euro. Gli addetti impiegati sono stati circa 15.624.

Se consideriamo solo la provincia di Bologna, nello stesso periodo le imprese attive nel settore delle macchine automatiche sono state 68, il fatturato complessivo è stato di circa 2,3 miliardi di euro e gli addetti impiegati circa 9.500.

In questo contesto, la capacità di fare innovazione è prioritaria per la competitività di un’impresa. Questa innovazione nasce dalla ricerca, ma si nutre anche della stretta collaborazione con gli end user, in un’ottica di comakership, allo scopo di rispondere a esigenze molto diversificate, compresa la necessità di offrire al consumatore finale un elevato grado di sicurezza e macchine sempre più ergonomiche e facili da utilizzare.