Utilizziamo cookie tecnici e, previa prestazione di consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, cliccando o toccando un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner si presta il consenso all’uso di tutti i cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso.
IMA sta caricando

Innovazione, ricerca e sviluppo

INNOVAZIONE, RICERCA E SVILUPPO

La vocazione di IMA all’innovazione dimostra concretamente il forte orientamento a proporsi quale fornitore di soluzioni e non di semplici prodotti. Questo approccio ha da sempre contraddistinto il Gruppo e ne ha determinato una posizione di forte preminenza sul mercato.

Le spese di ricerca e sviluppo sostenute nel 2018 ammontano a 55,31 milioni di euro, in crescita rispetto all’esercizio precedente (50,99 milioni di euro) e rappresentano il 3,7% dei ricavi.
Tale voce comprende i costi di ricerca e, principalmente, quelli per l’aggiornamento tecnologico e il normale rinnovo dei prodotti a catalogo. Non vengono invece incluse le spese per gli sviluppi su ordine da parte di specifici clienti, né i costi di personalizzazione dei prodotti a catalogo, spese comprese nel costo del venduto e quindi fatturate ai clienti stessi.

L’ORGANIZZAZIONE DELLA RICERCA E NUOVE TECNOLOGIE

Data la complessità dei mercati affrontati e alla dinamicità della sua crescita, il mondo IMA richiede una maggiore centralità e trasversalità delle competenze in ambito Ricerca e Sviluppo, realizzata secondo due direttrici:

In generale, nel mondo IMA la Ricerca e Sviluppo è realizzata secondo due direttrici:

  • ricerca e sviluppo di macchine e impianti di uno specifico segmento di mercato: realizzati all’interno delle singole divisioni;
  • sperimentazione, implementazione, scouting tecnologico, studio di nuove architetture: realizzati dalla struttura Innovazione.

In IMA lo sviluppo dell’innovazione è di tipo diffuso, ossia derivante da idee dei singoli, dagli input del Marketing, dall’analisi delle macchine dei competitor, all’innovazione collaborativa oppure dallo scouting delle tecnologie abilitanti. Per garantire la diffusione della conoscenza e stimolare nuove idee, i neo assunti del reparto Ricerca & Sviluppo seguono un percorso di formazione continua sull’innovazione tecnologica, ad esempio sui sistemi operativi real time, sul framework software prodotto per l’utilizzo del Personal Computer come controllore di macchina, sulla meccatronica, sullo sviluppo del software industriale per le macchine automatiche, sulla tecnologia a ultrasuoni in applicazioni di saldatura e rammollimento di materiali plastici. IMA sta integrando al suo interno il nuovo paradigma produttivo chiamato Smart Manufacturing che prevede l’utilizzo delle tecnologie digitali nel settore manifatturiero.

Attraverso la struttura Innovazione, IMA vuole rafforzare la conoscenza di quelle tecnologie e di quelle visioni emergenti che avranno nei prossimi anni un forte impatto sul manufacturing, sulla supply chain e sulle caratteristiche delle macchine di confezionamento. Il nuovo paradigma produttivo è chiamato Smart Manufacturing e prevede l’utilizzo delle tecnologie digitali nel settore manifatturiero.

Alcune delle tecnologie abilitanti su cui IMA ha deciso di investire sono:

  • Additive Manufacturing;
  • IoT;
  • Cloud;
  • Big Data;
  • Robotica collaborativa;
  • Automazione avanzata;
  • Intelligenza artificiale.

Alcuni esempi di collaborazioni attive nel 2018 sono:

  • INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare), Trento;
  • Johannes Kepler University Linz (JKU) Linz, Austria;
  • ELEDIA Research Center Università di Trento; • CNR Nano, Pisa;
  • Centro Interdipartimentale di ricerca Industriale di Meccanica Avanzata e Materiali dell’Università degli Studi di Bologna;
  • Scuola di Ingegneria e Architettura, Università di Bologna – Corso di Design dei Prodotti Industriali;
  • Università degli Studi di Parma – Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutica;
  • Progetto con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), a cui si è partecipato con un finanziamento per lo sviluppo e il potenziamento di cluster tecnologici nazionali. IMA è inserita nell’Operational Research “Smart Manufacturing”;
  • Progetto con il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), cofinanziatore del progetto MaXima (Multiple Actions for Innovation in Machine Automation), avente per oggetto i sistemi di produzione adattativi e intelligenti, ad alte prestazioni, efficienti ed ecocompatibili, secondo il paradigma di Industria 4.0;
  • Progetto IDM IMA Digital Manufacturing, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna per la creazione di centri di ricerca, sviluppo e innovazione;
  • Progetto Horizon 2020 “ROSSINI” avente come obiettivo la progettazione e lo sviluppo di piattaforme modulari per l’integrazione di tecnologie robotizzate con operatori umani in ambiente industriale;

IMA è inserita nel quadro di valutazione 2018 dell’UE sugli investimenti nella R&S industriale (ultimo disponibile): appare utile segnalare come in IMA l’incidenza delle spese R&S sul fatturato (4,3%) siano superiori alla media mondiale (4,0%), con una crescita percentuale degli investimenti in R&S pari al 7,6% nel 2018. L’obiettivo dei costanti investimenti di IMA è offrire all’end user una sempre più ampia gamma di prodotti e servizi avanzati con soluzioni a volte rivoluzionarie, ideate spesso in collaborazione con istituzioni accademiche e in uno spirito di comakership con gli end user stessi.

 

BREVETTI DEPOSITATI E CONCESSI NEL 2018 (su un totale di oltre 1.700 fra brevetti e domande di brevetto attivi in tutto il mondo).

 

DOMANDE DI BREVETTO DEPOSITATE (DI CUI DESIGN)

BREVETTI CONCESSI (DI CUI DESIGN)
2016 2017 2018 2016 2017 2018
IMA LIFE NORTH AMERICA 4 19 3 1 13 3
GIMA 12 31 28 51 55

82

GIMA TT 20 (1)

33

29

39 (6)

55

30

CORAZZA 3 6 (4) 8 10 5 6
IMA S.P.A. 97 (5)

87

114

194 (9)

76 (1)

85 (1)

 

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI IN IMA NEL 2018

IMA Tea & Herbs ha proseguito lo sviluppo del dosatore ponderale sviluppando una soluzione unica al mondo di pesatura dinamica e compensazione dinamica delle vibrazioni. Questo sistema che corregge ed elimina qualsiasi vibrazione della macchina ha permesso di allargare il range di applicazioni sul primary packaging. È stata sviluppata una nuova macchina, la CT11, dove con un semplice cambio a formato è possibile produrre sacchetti filtro rettangolari e/o piramidali. Si tratta di un’innovazione importante nel settore in quanto, fino ad oggi, sulle macchine IMA non era possibile cambiare così drasticamente il tipo di sacchetto filtro. La macchina è stata completata con la possibilità di inserire una busta esterna (per garantire il mantenimento dell’aroma e della qualità del prodotto) applicabile su entrambi i tipi di sacchetto. Su questa macchina è stato applicato il dosatore sopra citato con ottimi risultati di precisione di dosata. Si è inoltre sviluppata, su una piattaforma esistente C59, una macchina per la produzione di sacchetti filtro monocamera con materiale PLA per l’impacchettamento di caffè.

Scarica il Bilancio di Sostenibilità »