Privacy settings

We use technical cookies, that are necessary for the management of the website, statistical cookies and marketing cookies (including third parties cookies) for displaying individual offers and ads. For more information read our Privacy Policy. Statistical cookies and marketing cookies (inclusive of third parties cookies) are used only with your consent. By clicking “Select all and agree” you consent to our use of statistical and/or marketing cookies (inclusive of third parties cookies).

To customize your privacy settings, tick your preferences in the checkboxes and click “Apply selection”. You can always change the privacy settings and deactivate cookies by following the instructions in the Privacy Policy.

Show preferences Select all and accept
IMA sta caricando
Pubblicato il 19/12/2019

Acting Togheter for a better future. IMA sostiene Antoniano e Medici Senza Frontiere

Anche quest’anno, IMA ha deciso di festeggiare il Natale offrendo il suo sostegno alle persone in difficoltà.

Il supporto del Gruppo IMA per il 2020 è destinato a Antoniano per i suoi progetti di integrazione sociale rivolti alle famiglie in sofferenza e a chi fugge dalla guerra, e a Medici Senza Frontiere per il suo impegno nel contrastare la malnutrizione nello stato del Borno in Nigeria.

Insieme per le famiglie

Per il terzo anno consecutivo, in occasione del Natale, IMA sostiene il Progetto Famiglie di Antoniano.

Il progetto nasce per dare accoglienza e supporto alle famiglie in difficoltà attraverso un percorso di tutela sociale, integrazione e autonomia e si articola in “quattro passi”:

  • Il pasto, presso la Mensa serale
  • L’ascolto, presso il  Centro d’Ascolto
  • L’aiuto, attraverso il Fondo Famiglie
  • Lavoro e casa, grazie a Tirocini formativi e sostegno all’alloggio.

Grazie ai contributi che nel corso degli anni, IMA ha destinato a questo progetto, sono stati garantiti pasti, ascolto, aiuto economico e accoglienza abitativa a quasi 70 nuclei famigliari in difficoltà.

La continuità di questo sostegno ha inoltre permesso ad Antoniano di consolidare i servizi esistenti  e svilupparne di nuovi, come ad esempio l’accoglienza abitativa, con l’obiettivo di creare un impatto duraturo sul territorio in termini di integrazione e coesione sociale.

Anche nel corso del 2020, il contributo di IMA sarà destinato ai servizi di mensa, al centro d’ascolto, al fondo famiglie e all’accoglienza abitativa per le famiglie in difficoltà e garantirà circa il 25% del budget annuale di progetto.

Il contributo di IMA inciderà nella vita di 11 famiglie (42 persone circa, di cui 26 bambini) e in particolare:

  • 10 famiglie avranno accesso alla mensa serale e al centro d’ascolto e al fondo famiglie per 1 anno
  • 1 famiglia usufruirà del servizio accoglienza abitativa in uno degli appartamenti di Antoniano.

Progetto Maiduguri: Combattere la malnutrizione nello stato del Borno, Nigeria

IMA sostiene Medici Senza Frontiere nel suo impegno nello Stato di Borno in Nigeria, dilaniato da anni di scontri tra milizie armate ed esercito nigeriano, e dove i bambini al di sotto dei cinque anni sono praticamente scomparsi. La mancanza di cibo ha portato a tassi di malnutrizione senza precedenti e livelli di mortalità ben oltre la soglia di emergenza.

Lo scorso anno, l’organizzazione medico-umanitaria ha chiesto a gran voce un incremento urgente e massiccio degli interventi umanitari per garantire alle persone vittime della crisi in corso la fornitura di cibo e assistenza medica.

Da un’indagine effettuata da MSF in vari campi rifugiati della città di Maiduguri, capitale dello Stato federale del Borno, è risultato, infatti, che fino al 50% dei bambini sotto i 5 anni soffre di malnutrizione acuta con un conseguente tasso di mortalità infantile molto elevato.

Attraverso il suo contributo, in occasione del Natale 2019, IMA intende supportare l’azione di MSF volta a fornire cure medico-nutrizionali in risposta all’emergenza malnutrizione a Maiduguri.

L’obiettivo è quello di combattere la mortalità materno-infantile tra la popolazione sfollata a Maiduguri per fuggire alle violenze in corso nel Paese.

Altre News

keyboard_arrow_left keyboard_arrow_right